Blog, Climbing, Traveling

Fankenjura

Vai alla versione italiana >

IMG_20150724_134245430“My brother is going climbing in Germany. Shall we go with him?”

Anna’s text woke me up as a wave of cold water during a long hot day of work in June. “Obviously yes!”

After counting the available days of holidays and the budget we managed to put together 4 days and the 24th of July we were at the airport, wearing our helmets, ready to catch a plane to Nurenberg.

10357439_10206325791160416_4426519748589373314_nAs soon as we landed we collected our rented car and we started driving towards Morschreuth, a little town I don’t even know how to pronounce to be honest, in real old style: both Anna and I were without internet connection and the only directions we had were printed on a map downloaded from Google! Luckily thank to Anna’s co-piloting abilities and to the good quality of German roads it wasn’t difficult to reach our destination.

Anna’s brother, with wife and son, and his climbing partner were waiting for us in this wonderful apartment with 1 shared living room, 2 rooms, 2 kitchens and 2 toilets. The town is really quiet but you can totally survive the lack of nightlife sitting on the porch listening to the wonderful silence, sipping Bavarian beer.

11700971_10206328460507148_6803765104706008477_nWoken up by the bells of the near Church and after a huge breakfast, we left to the destination of our first climbing day.

Frankenjura is well known for its typical rock, limestone full of pockets that go from the size of a hand to the size of a pinkie finger.

As usual luck was on my side and right before leaving for Frankenjura I injured the middle finger on my right hand, therefore, this kind of situation was not really the best for me, but the excitement of discovering a new place overwhelmed me and, consciously choosing to climb only routes not too hard on fingers, we jumped on the rock.

I have to say that the nature is really beautiful there, full of places in the wood that remind of fairy tales. It’s worth it even just walking around there!

11030271_10206334900868153_6286563449936525813_n.jpg

Now, I need to give a very important piece of advice. If you suffer from arachnophobia or find spiders disgusting… Well, this isn’t the place for you. Decided for a route where there was no one at the moment and put my hands in 2 pockets I literally had a shower of spiders. Not the best of the experiences, I promise!

Oh and also, be careful of ticks. Apparently, this place is full of them and they can infect you if you don’t remove them immediately. We also have this during our 4 days, tick’s alarm and full body checkup of each other, from the head to the feet. Checking Anna’s hair made me realize that climbing really changes you deeply… From human being to monkey!!! 😀

After the first intense day and the night spent totally relaxing, we woke up quite sore the morning after but ready to face the day 2 of our adventure.

11030271_10206334895348015_1071699110287032163_n

To reach the second crag you need to cross a river where you can also do rafting and people go swimming.

My mood wasn’t the best that day as I woke up with painful finger and wrist, even though I thought I had been careful the day before. My motivation left space to fear of making the injury worse and this didn’t allow me to fully enjoy climbing that day.

The peak of my moodiness arrived when, on one of the few routes I decided to climb, I found myself face to face with a huge nest of wasps… You can imagine what kind of horrible death I could already foresee and the adrenaline that pushed me to accelerate!!!

11755899_10206334896508044_6246622911890308400_n (1)

Frustrated because of my poor performance, still not ready to accept the idea of being injured, I managed to convince Anna to go and explore some other crags, seeing that we would leave the day after in the afternoon.

We asked Roman (Anna’s brother) for the book and decided for a crag that on the book was labeled as “Easy to find”

After half an hour walking in a wood and after walking in a circle in a place that could be used as a film horror stage, we found one of the walls we were looking for.

A funny moment I will always remember: we saw something looking like a big black bag with a zip. Big like the human size… I am still convinced that there is a dead body inside but none of us felt like going to check…

11800181_10206334899788126_6593399123104873200_n

At that point, my motivation came back and we climbed a couple of easy and short but overhanging routes.

Going back to the car has been a challenge as well, with the paths completely covered of leaves that also made the ground slippery.

The last day, in the morning, it was pouring down. Refusing the idea of giving up, seeing that our flight was in the afternoon, I dragged Anna to look for another crag but as soon as we reached the place the rain started again and we had to miserably go back to the apartment.

Disappointed we decided that it was a good idea to buy ourselves a little prize and we cleaned the shelves of a German patisserie.

 

11780014_10206328449306868_8946735525103208124_o
Can you spot Anna in the pic?

 

Having to wait for the flight all the day long we decided to head to Nurenberg and visiting the city that is actually really nice.

In conclusion, despite the injury – that I wasn’t really ready to manage – and the rain of the last day, I have to say that Frankenjura has been a really positive experience. My goal now is to go back there, in perfect body shape, and enjoy every single route, from the easiest to the hardest.

I’m sure I’ll see you again soon, Frank 🙂

If you are looking for more details about climbing in Frankenjura you can refer to the UKC website.

a3601-1gwb0y5rd8buyufq_tvhvfg

IMG_20150724_134245430“Mio fratello va ad arrampicare in Germania. Andiamo anche noi?”

Il messaggio di Anna, durante una pesante giornata di lavoro nel caldo di Giugno, era arrivata come una ondata di acqua rinfrescante. “Ovviamente si!”

Dopo aver contato i giorni di vacanza ancora a nostra disposizione ed il budget disponibile siamo riuscite a mettere insieme 4 giorni ed il 24 di Luglio eravamo all’aeroporto, con i nostri elmetti in testa, pronte a prendere l’aereo per Norimberga.

10357439_10206325791160416_4426519748589373314_nUna volta atterrate e ritirata la macchina presa a noleggio ci siamo dirette verso Morschreuth, una cittadina che non so neanche nominare a dire il vero, in vero old style: entrambe senza connessione ad internet le sole indicazioni che avevamo erano stampate su una mappa scaricata da Google! Fortunatamente un pò grazie all’abilità da navigatore di Anna e un pò grazie alla qualità delle strade tedesche non é stato difficile arrivare a destinazione.

Il fratello di Anna, con moglie e figlio al seguito, ed il suo climbing partner ci attendevano in questo meraviglioso appartamentino con un soggiorno condiviso, 2 stanze, 2 cucine e 2 bagni. La cittadina non é molto movimentata ma ci si puó tranquillamente passare sopra stando seduti in veranda al buio ad ascoltare il meraviglioso rumore del silenzio, sorseggiando birra bavarese.

Svegliate dal suono delle campane e dopo una abbondante colazione, ci siamo dirette alla meta della nostra prima giornata di arrampicata.

11700971_10206328460507148_6803765104706008477_nEssendomi da poco infortunata al dito medio della mano destra non era proprio la situazione ideale ma l’eccitazione di provare un posto nuovo ha preso il sopravvento e, coscientemente scegliendo di arrampicare solo vie non impegnative a livello di dita, ci siamo lanciate alla scoperta di Frankenjura.

Frankenjura é nota per la qualità particolare della roccia, calcare caratterizzato da  tasche che vanno dalla grandezza di una mano a quella di un dito mignolo.

Il posto è davvero meraviglioso, con ambientazioni da favola in mezzo al bosco. Vale la pena anche solamente camminare nei dintorni.

11030271_10206334900868153_6286563449936525813_n.jpgOra, ho necessità di darvi un consiglio. Se soffrite di aracnofobia o i ragni vi fanno schifo… questo non è il posto per voi. Decisa ad arrampicare una via su cui non c’era nessuno in quel momento, ed infilate le mani dentro un paio di tasche nel muro ho letteralmente fatto la doccia di ragni. Non la più piacevole delle esperienze, vi posso assicurare!

Inoltre, state attenti alle pulci. A quanto pare in questa zona è pieno e possono infettarsi se non rimosse immediatamente. Abbiamo avuto anche questo durante i nostri 4 giorni, allarme pulci e check up completo a vicenda, dalla testa ai piedi. Controllare i capelli di Anna ha portato in me la consapevolezza che arrampicare ti cambia davvero… Da essere umano a scimmia!!! 😀

Dopo la prima giornata alquanto impegnativa e la serata passata nel relax totale, ci siamo svegliate al mattino un pò doloranti ma pronte ad affrontare il giorno 2 della nostra avventura.

11030271_10206334895348015_1071699110287032163_nPer raggiungere la seconda falesia bisogna sorpassare un fiume in cui si puó fare rafting e la gente si ritrova per fare il bagno.

Svegliatami con dita e polso doloranti, nonostante non avessi forzato troppo il giorno precedente, la mia motivazione aveva lasciato un pò di spazio alla paura di peggiorare il mio infortunio e non sono riuscita a godermi completamente il posto.

Senza contare che una delle poche vie che ho deciso di arrampicare quella mattina era infestata da vespe e mi sono ritrovata ad un certo punto con il nido esattamente di fronte al viso… Potete immaginare la morte orribile che già prevedevo e l’adrenalina che mi ha spinta ad accelerare la salita!!!

11755899_10206334896508044_6246622911890308400_n (1)Un pò frustrata dalla povera performance della giornata, ancora poco propensa ad accettare l’idea di essere infortunata, ho convinto Anna ad andare ad esplorare qualche altra falesia, visto che quello sarebbe stato il nostro ultimo giorno intero di arrampicata.

Preso in prestito uno dei libri di Roman (il fratello di Anna) abbiamo scelto una falesia che sul libro era indicata come “facile da trovare”

Dopo una camminata di circa mezzora in mezzo ad un bosco deserto e dopo aver girato in tondo in una ambientazione che potrebbe essere il set di un film horror, abbiamo trovato una delle pareti che cercavamo.

Uno dei momenti divertenti é stato l’individuare in lontananza una grossa borsa nera. Grossa del tipo ci si può infilare un uomo morto dentro… Io sono ancora convinta ci fosse un cadavere dentro ma nessuna delle due se l’é sentita di andare a controllare…

11800181_10206334899788126_6593399123104873200_nA quel punto la voglia di arrampicare é tornata ed abbiamo scalato un paio di vie facili e corte ma a strapiombo.

Il ritorno alla macchina é stato allo stesso modo impegnativo, con i sentieri completamente coperti di foglie che rendevano difficile camminare.

La mattina dell’ultimo giorno pioveva a dirotto. Restia all’idea di darla per persa, visto che avevamo l’aereo al pomeriggio, ho trascinato Anna alla ricerca di un’altra falesia ma appena arrivate sul posto la pioggia é ricominciata e siamo dovute tornare verso l’appartamento con la coda tra le gambe.

Un pò demoralizzate abbiamo deciso di concederci un premio ed abbiamo completamente razziato il banco di una pasticceria tedesca.

11780014_10206328449306868_8946735525103208124_o
Riuscite a trovare Anna nella foto?

Con tutta la giornata a disposizione abbiamo deciso di tornare a Norimberga e fare una visita alla città che devo dire é molto bella.

 

Nonostante l’infortunio – che non ero mentalmente preparata a gestire – e la pioggia dell’ultimo giorno, devo dire che Frankenjura è stata una esperienza davvero positiva. Il mio goal é tornarci presto, al 100% della forma, e godermi ogni singola via, dalla piú semplice alla piú difficile.

Sono certa che ci rivedremo presto, Frank 🙂

Se cercate informazioni più dettagliate sull’arrampicata in Frankenjura potete fare riferimento al sito UKC.

Back to the top!

 

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s